Realizzare un server NAS casalingo - Software

Inviato da rcorra68 il Dom, 18/03/2018 - 15:56

Dopo aver deciso per la realizzazione di un server NAS "fai-da-te" (leggi qui) bisogna scegliere quale sistema operativo utilizzare.

I tre Sistemi Operativi open source che ho valutato per realizzare il mio NAS sono:

A costo zero si potrebbe usare anche Ubuntu, ma è un sistema operativo non specializzato per fare il NAS. Infine, ho pensato anche ad una soluzione Windows Server, che è l'ambiente operativo che conosco meglio, ma come per Ubuntu è una soluzione troppo generica e con costi troppo elevati per una soluzione casalinga.

Tutti e tre i sistemi hanno in comune la semplicità di installazione, un interfaccia web per la gestione ed un architettura a plug-ins per trasformare il NAS da semplice "disco fisso" a un completo sistema tutto fare.

FreeNAS

FreeNAS is an operating system that can be installed on virtually any hardware platform to share data over a network. FreeNAS is the simplest way to create a centralized and easily accessible place for your data. Use FreeNAS with ZFS to protect, store, backup, all of your data. FreeNAS is used everywhere, for the home, small business, and the enterprise

E' forse il software NAS Open Source più conosciuto, nato nel 2005 e gestito da Olivier Cochard-Labbé e Volker Theile fino al 2009 quando Volker Theile ha deciso di buttarsi su un altro progetto (openmediavault) basato su piattaforma Debian. A quel punto e passato agli sviluppatori di iXsystems (link),  che hanno portato avanti il progetto sempre sulla piattaforma FreeBSD fino alla versione attuale (al momento della stesura di questo articolo la 11.1) che prevede la gestione delle macchine virtuali, un aggiornamento delle jails e una nuova interfaccia utente.

Si appoggia su ZFS un file system che prevede il controllo dell'integrità dei dati per prevenirne la perdita, la creazione di shapshots, la replica dei dati e diversi livelli di ridondanza inclusi striping, mirroring, striped mirrors (RAID 1+0).

Gira bene anche su macchine datate con l'unica limitazione ai sistemi 32bit che non sono supportati nelle ultime versioni (la 9.2.1.9 è stata l'ultima a supportare sistemi a 32bit).

NAS4Free

NAS4Free is an Open Source Storage NAS (Network-Attached Storage) distribution based on FreeBSD.

NAS4Free è il nuovo nome dell'originale progetto FreeNAS che era stato sviluppato tra 2005 e il 2011. La sua data di nascita può essere riportata al 22 marzo 2012. Anche lui continua a vivere su piattaforma FreeBSD. Come caratteristiche non si discosta molto dal suo predecessore. C'è il supporto per ZFS e UFS, ext2 e ext3 dei sistemi GNU/Linux e FAT e NTFS del mondo Windows.

A differenza del precedente il progetto è mantenuto da sviluppatori volontari sul sito SourceForge (link). Può essere un vantaggio ed uno svantaggio rispetto a FreeNAS. Non c'è dietro un'azienda che potrebbe renderlo a pagamento, ma di contro il progetto cresce solo in base all'impegno e alla voglia degli sviluppatori liberi. Per ora non penso che sia un problema.

Le richieste hardware sono molto simili a quelle di FreeNAS. Anche qui c'è stato l'abbandono, a partire dalla versione 11, delle piattaforme a 32bit

OpenMediaVault

openmediavault is the next generation network attached storage (NAS) solution based on Debian Linux. It contains services like SSH, (S)FTP, SMB/CIFS, DAAP media server, RSync, BitTorrent client and many more. Thanks to the modular design of the framework it can be enhanced via plugins

Come accennato più su, il progetto nasce nel 2009 quando Volker Theile lascia lo sviluppo di FreeNAS per buttarsi su un nuovo progetto che abbandona FreeBSD e si appoggia su Debian.

A differenza dei precedenti non supporta in maniera nativa ZFS, ma può essere implementata tramite l'installazione di un plug-in

Conclusioni

Alla fine il mio dubbio era se installare FreeNAS o NAS4Free, mentre ho scartato a OpenMediaVault perché troppo diverso dai due concorrenti. Devo dire che a forzare in parte la scelta è stato anche il fatto che in ufficio abbiamo installato tempo fa FreeNAS e quindi un po' di esperienza l'avevo fatta.

Tra i due poi ho deciso di puntare su NAS4Free perché completamente open source e questo nelle mie scelte di solito è un fattore decisivo.

Aggiungi un commento

HTML ristretto

  • Elementi HTML permessi: <a href hreflang> <em> <strong> <cite> <blockquote cite> <code> <ul type> <ol start type> <li> <dl> <dt> <dd> <h2 id> <h3 id> <h4 id> <h5 id> <h6 id>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.